Natura: questa è la parola d’ordine per i nostri tempi. Questa è la nostra sfida evolutiva. Solo riconnettendoci all’ambiente di cui siamo parte, alle nostre radici, possiamo procedere con sicurezza e baldanza verso il futuro… come insegnano gli alberi, maestri di intrepido equilibrio. Noi “siamo Natura”!

Oggi siamo abituati a pensare al mondo naturale come allo sfondo dipinto di un scenario in cui soltanto noi umani abbiamo il ruolo di protagonisti, ma nell’inconscio collettivo dell’umanità e nella nostra stessa memoria genetica, è chiaro il ruolo della Natura come principio più vasto che ci genera, accoglie e fa crescere. Adamo è stato creato da un pugno di terra e la figura di Madre Terra permea quasi tutte le culture dell’umanità. L’ambiente naturale è la nostra “casa”, la nostra origine; dalla terra nasciamo e alla terra torniamo.

Viviamo immersi in un oceano di influssi esterni, temperatura, umidità, pressione dell’aria, campi magnetici, radiazioni, suoni, colori, odori… che a loro volta stimolano il nostro sistema nervoso, la produzione ormonale, l’equilibrio fisiologico, l’immaginazione, la memoria, sino a ottenere anche conseguenze ben precise sul nostro benessere fisico e psicologico. Il paesaggio agisce su di noi, tramite effetti subcoscienti: i colori verdi e azzurri sono rilassanti, quelli rossi e gialli eccitanti, lo sguardo che spazia in lontananza amplia gli orizzonti di riflessione, i silenzi e il sottofondo dei rumori naturali favorisce l’introspezione e l’intuizione, il contatto delle mani con gli alberi e dei piedi – senza scarpe – con il suolo, ci permette di scaricare elettricità statica e quindi nervosismo. Gli studi più recenti di medicina forestale e psicologia ambientale confermano quello che l’esperienza personale già pernette di riconoscere: quando passiamo anche solo una mezz’oretta in un ambiente naturale per noi bello, si abbassa il livello di stress, si riacuitiza la lucidità mentale, si rafforza il sistema immunitario.

Quando ritroviamo la nostra connessione con la terra, recuperiamo la sensibilità a quei legami atavici che fanno del nostro stesso corpo un riassunto dell’evoluzione della vita, ci ridestiamo dall’illusione di essere soli, abbandonati a noi stessi, separati dal tutto, perché la natura stessa insegna che – come ripetono i Lakota Sioux – mitakuye oyasin, tutto è correlato. La Natura diventa maestra di vita, antidoto all’egotismo, all’alienazione da sé e dal mondo, diventa la casa a cui fare ritorno ogni qual volta abbiamo bisogno di ritrovarci, di entrare più profondamente in contatto con noi stessi, di ricaricarci, di sentirci parte di qualcosa di più grande di noi.

Tutte queste considerazioni, oggi finalmente raccolte e promosse anche da una nuova disciplina, l’Ecopsicologia, creano il presupposto per nuove professionalità, capaci di accogliere e integrare nelle proprie pratiche un contatto diretto e profondo con la Natura: in ambito educativo, di crescita personale, terapia, sport, turismo e tempo libero. L’Ecopsicologia Apllicata, si chiama Ecotuning e traduce tutti i risultati, sempre più numerosi, di ricerche e studi nel campo dell’interazione tra essere umano e ambiente naturale, in attività concrete con cui beneficiare di una ritrovata connessione con la natura, in modo consapevole e funzionale per una presenza più attenta, piacevole e responsabile nella quotidianità.

L’11-16 agosto 2018, a Corni di Canzo (Como), nel magico casale di pietra a Primalpe, si terrà il primo seminario internazionale Ecopsiché, nei boschi, a 700 metri di altezza, di introduzione all’Arte e Scienza dell’Ecotuning: “facilitazione della rlazione con la natura”.

L’Ecotuning è Ecopsicologia Applicata. Una nuova professione emergente per lavorare con i gruppi in natura e arricchire la propria professionalità e la propria vita con una visione che allarga l’orizzonte e con strumenti che risvegliano il nostro potere d’azione nel mondo.

Guarda il programma, scopri la tua strada, nella Natura, con la Natura, per la Natura.

Ecopsiché fa parte del IES SCHOOLS INTERNATIONAL NETWORK e il seminario è propedeutico al completamento della formazione in Ecotuning, in una delle 7 Scuole riconosciute (Italia, Spagna, Grecia, Uruguay, Brasile, Argentina, Cile).